Settore civile - Restauro conservativo e architettonico
Conosciuta e apprezzata per la qualità che caratterizza le sue realizzazioni civili e industriali, la Deldossi Srl è in grado di offrire un ampio ventaglio di soluzioni anche per il restauro conservativo e le opere di ristrutturazione, con garanzia che siano eseguite a regola d'arte.
L'Impresa edile Deldossi in lunghi anni d'impegno e studio ha acquisito e affinato un notevole bagaglio di specifica capacità, ottenendo importanti risultati, operando in cantieri impegnativi su strutture cariche di secoli e fascino, trovate in condizioni di grande degrado e riportate con perizia e certosina pazienza in splendida forma.

Che si tratti di chiese e campanili, palazzi d'epoca o ville padronali, la maestria dei nostri addetti specializzati ha sempre la meglio, restituendo alle collettività e ai singoli proprietari dei veri gioielli architettonici.
L'esperienza maturata da Deldossi è disponibile anche per interventi su edifici di grande rilevanza storica e artistica.
Per eseguire al meglio le opere di restauro utilizziamo particolari tecniche di risanamento e consolidamento che garantiscono l'esecuzione di lavori raffinati e non invasivi e al contempo la massima stabilità strutturale.
Conferire a case costruite in altre epoche e con altri criteri una nuova elegante veste, richiede un impegno non indifferente e una competenza che non s'improvvisa.

Di seguito vi presentiamo una piccola galleria di interventi di restauro da noi effettuati.
Consolidamento e miglioramento sismico Chiesa Parrocchiale di Pompiano (Brescia)
I lavori hanno riguardato principalmente il consolidamento statico e il miglioramento sismico dell'edificio ecclesiastico gravemente lesionato dal sisma del 24 novembre 2004. Si è intervenuto nel consolidamento del sottotetto con l'installazione di catene e collegamento di strutture lignee con piastre di ferro, irrigidimento delle volte con riempimento delle stesse con malta idraulica alleggerita, consolidamento delle fessurazioni esterne e interne con iniezioni di adeguato tipo di malta, rifacimento intonaco e restauro dei dipinti interni in prossimità delle fessurazioni stesse. I lavori di straordinaria manutenzione e conservazione del campanile hanno interessato, oltre che il rifacimento dei davanzali delle finestre, la sostituzione integrale della scala e della sua struttura portante, al fine di consentire la manutenzione ordinaria e straordinaria all'interno del campanile, e cercando di mantenere e riutilizzare tutte le fonometrie esistenti per non alterare l'aspetto e la consistenza primaria della struttura del campanile. Con l'avanzamento dei lavori si è potuto verificare che erano presenti fonometrie di travi portanti di palchi intermedi non presenti allo stato di fatto. Si è deciso quindi di utilizzare queste tasche già esistenti per una suddivisione tale da poter ricreare i piani di riposo nelle posizioni originarie. La struttura portante dei rampanti, dei pianerottoli e dei piani di riposo è costituita da travi di ferro che sono state inserite nelle fonometrie esistenti, avvolte da una fascia in neoprene antivibrante e successivamente incocciate con mattoni pieni in cotto di recupero e malta ad altissima igroscopicità e traspirabilità di pura calce idraulica naturale e sabbia. Il rivestimento è stato realizzato in legno con colorazione rovere, mentre il corrimano è stato realizzato in ferro in tinta grigio antracite.
Restauro e adeguamento funzionale istituto scolastico Arici - Brescia
La Fondazione "Alma Tovini Domus", proprietaria degli immobili nei quali trova sede l'Istituto Cesare Arici di Via Trieste 17, decise di ristrutturare alcuni ambienti dell'ala nord, affacciati su Vicolo S. Marco, al fine di aumentare la dotazione di spazi e di aule a disposizione e consentire così una migliore organizzazione delle attività scolastiche dell'Istituto. L'intervento di adeguamento funzionale dell'ala nord dell'Istituto Arici, con il recupero dei piani secondo e terzo ad aule scolastiche, ha riguardato principalmente la realizzazione di un nuovo vano scala protetto, servito da ascensore, che collega il piano terra ai piani superiori. La scala interna che raccordava i vari piani del corpo ovest e del corpo est è stata mantenuta solo come collegamento con il piano cantinato, il piano terra e il piano ammezzato, mentre è stata demolita ai piani superiori per far posto agli spazi didattici. Al piano secondo del corpo ovest sono stati ricavati tre grandi ambienti dedicati alla Scuola Primaria e un piccolo gruppo di servizi igienici. Il piano terzo del corpo ovest è stato raccordato al piano secondo del corpo est con una breve scala di cinque gradini attrezzata da un servoscala. Al piano terra si è intervenuto per aumentare lo spazio dedicato alla mensa e al piano cantinato è stato razionalizzato il locale dedicato al teleriscaldamento e sono stati realizzati una piccola lavanderia e due magazzini di deposito. La facciata sud del corpo est è rimasta inalterata mentre quella del corpo ovest è variata, a seguito della creazione del nuovo corpo scala e dell'apertura di nuove finestre, necessarie al fine di garantire gli opportuni rapporti aero-illuminanti alle nuove aule. Sono stati effettuati piccoli interventi sulla scala est al fine di conferirle le caratteristiche di "scala a prova di fumo" dotata di filtri antincendio di accesso ad ogni piano, così come richiesto dalla normativa di prevenzione incendi. La nuova scala assolve alla funzione di seconda via di esodo. La presenza dell'ascensore nel nuovo blocco scale risolve il problema dell'abbattimento delle barriere architettoniche, facilitando l'utilizzo degli ambienti anche ai ragazzi disabili.